i manifesti

Fondazione Mansutti
Fondazione Mansutti

Centro di storia dell'assicurazione

Fondazione Mansutti
Fondazione Mansutti

Centro di storia dell'assicurzione

Fondazione Mansutti
Fondazione Mansutti

Centro di storia dell'assicurzione

Fondazione Mansutti
Fondazione Mansutti

Centro di storia dell'assicurazione

1/15

Il manifesto pubblicitario non ha solo una funzione informativa, come avevano le grida e i proclami dell'inizio dell'800 di cui la nostra Biblioteca possiede alcuni esemplari, ma assume anche valore di testimonianza nella storia delle arti figurative e nella storia del costume. Nella prima, perché nella grafica cartellonistica si sono cimentati artisti di grande fama e, nella seconda, perché, pur rimanendo un protagonista effimero della realtà, ha con essa un rapporto così immediato e spregiudicato da riuscire, attraverso l'evoluzione del messaggio, a documentare - in modo molto efficace per quel che riguarda la nostra raccolta - lo sviluppo del settore assicurativo.

Gli oltre 400 manifesti posseduti hanno tutti l'assicurazione come denominatore comune e rappresentano un altro aspetto, senza dubbio meno conformista, del fenomeno assicurativo e ne narrano la storia più recente. Qui a fianco ne scorrono alcune immagini.

Oltre all'Italia e alla Francia (in queste due nazioni fu considerevole il successo di questa forma di pubblicità), la collezione include manifesti provenienti da diversi paesi, dalla vicina Svizzera alla lontana Asia, passando per Stati Uniti, Canada e Russia.

Nel 2019 - con il contributo di Regione Lombardia - è stato avviato il progetto di catalogazione nel SIRBeC (Sistema Informativo Regionale dei Beni Culturali).

Completano la collezione, numerosi calendari, almanacchi e portalettere: simpatici e colorati doni che le compagnie facevano ai propri clienti.