una poesia dedicata all'assicurazione

L’assicurazione de la vita

Dice ch’a Roma c’è ‘na compagnia
de gente ch’assicureno la vita;
io ‘sta frescaccia nu’ l’ho mai capita
e dico ch’è ‘na gran minchioneria

Anzi me pare proprio un’eresia,
perché quanno ch’è l’ora stabbilita
ch’er Padreterno la vo far finita,
che t’assicuri? l’ossa de tu’ zia?

È ‘na speculazione immaginata
Pe’ fa’ sòrdi a le spalle de la gente
Che ce crede e ce resta buscherata.

L’ha provato er sor Cecco, er mi’ parente:
co’ tutto che se l’era assicurata
è morto tale e quale d’accidente.

 

Trilussa, I sonetti, Milano, 1922